3
Posted 23 gennaio 2013 by Redazione Virtuous in Consigli
 
 

San Benedetto, Ministero dell’Ambiente e Regione Veneto: un approccio virtuoso per il riciclo della plastica

Iniziativa San-benedetto-Minambiente-Regione-Veneto
Iniziativa San-benedetto-Minambiente-Regione-Veneto

Il ciclo di raccolta della plastica raggiunge standard più elevati, grazie al progetto pilota “Nuova vita al PET”, che partirà nel mese di marzo, e che vede protagonisti l’azienda Acqua Minerale San Benedetto, in partenariato con il Ministero dell’Ambiente e la Regione Veneto. Una serie di eco-compattatori verranno posizionati all’interno di importanti supermercati e centri della grande distribuzione ed avranno lo scopo di contenere le bottiglie d’acqua, in PET (polietilene tereftalato, un tipo di plastica comunemente utilizzato), utilizzate dai consumatori. La novità sta nel fatto che il materiale raccolto verrà avviato direttamente alle attività di recupero e trasformazione e il suo riutilizzo sarà già a monte definito, in quanto le bottiglie, rigenerate, torneranno ad essere dei contenitori per l’acqua San Benedetto. Tale approccio virtuoso, insomma, permetterà di creare un ciclo di raccolta e riciclo sia diretto che efficace, capace di sviluppare nuove abitudini di consumo e atteggiamenti consapevoli tra la popolazione coinvolta. L’obiettivo finale è, nel contempo, quello di diffondere una cultura industriale in grado di pensare le fasi della produzione a 360°, secondo un’ottica “allargata”, capace di considerare il ciclo di vita del prodotto in maniera completa e puntuale, donando nuova vita e quindi nuovo valore ai materiali. Un approccio sistemico di questo tipo comporta vantaggi economici e ambientali, in particolare, riesce a ridurre l’impatto dei prodotti in termini di emissioni di CO2 o carbon footprint.

LE FASI DEL PROGETTO

 Il Progetto Nuova Vita al PET è organizzato attraverso le seguenti 6 fasi:

1. allestimento di appositi Ecocompattatori presso la GDO, destinati alla raccolta dei rifiuti di bottiglie di PET di acqua minerale e bevande analcoliche (di seguito Rifiuti PET);

2. conferimento da parte del consumatore dei Rifiuti di PET presso gli eco-compattatori;

3. raccolta dei Rifiuti di PET e conferimento ad apposito operatore autorizzato al trattamento;

4. trasformazione dei Rifiuti di PET in RPET;

5. somministrazione dell’RPET a San Benedetto per la produzione di nuove bottiglie;

6. calcolo dell’impronta di carbonio al termine del ciclo.

GLI IMPEGNI DEI PARTNER

 a) la sperimentazione di modalità di gestione differenziata dei Rifiuti di PET, che consentano maggiori possibilità di avvio degli stessi a riuso e recupero, valutando possibili sinergie e collaborazioni fra enti locali, operatori privati e utenti;

b) il coinvolgimento e la sensibilizzazione dei consumatori verso la gestione differenziata dei Rifiuti PET;

c) il coinvolgimento della GDO per la gestione e promozione del Progetto, affinchè dia attuazione a politiche premianti verso i consumatori, tramite fidelity card o simili, provveda all’installazione degli Ecocompattatori e alla definizione di accordi di raccolta dei Rifiuti PET con soggetti titolari di autorizzazione al loro trattamento per successivo riuso;

d) la promozione di iniziative dedite alla valorizzazione della sostenibilità nella produzione di acque minerali e bevande analcoliche;

e) la promozione di ulteriori attività dedite alla salvaguardia dell’ambiente, nell’ambito del ciclo estrattivo e produttivo di acque minerali e bevande analcoliche.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.