ULTIME BUONE PRATICHE
 

Risorse idriche, per il 2013 l’ONU prepara una mobilitazione globale!

 

0
Posted 9 gennaio 2013 by

L’acqua è un bene prezioso sempre più scarso e l’ONU ha deciso di coordinare una mobilitazione globale che vedrà nel 2013 l’Anno Internazionale della Cooperazione nel Settore Idrico. Incontri, conferenze, proposte legislative su un tema che nei prossimi anni avrà una rilevanza sempre maggiore, si stima infatti che nel 2025, 1,8 miliardi di persone saranno interessate dalla scarsità delle risorse idriche.

Fondamentale la questione della cooperazione tra stati, infatti molto spesso fiumi, laghi e falde acquifere si trovano a essere in comune tra diverse popolazioni, toccando più territori e spesso risultano al centro di conflitti e tensioni. In Medio Oriente, ad esempio, Israele gestisce l’acqua del Giordano a disposizione dei palestinesi, il Nilo, in Africa, è perennemente conteso tra Egitto, Sudan ed Etiopia. In America, Messico e USA si contendono i fiumi Colorado e Rio Grande, mentre in Bolivia cresce la preoccupazione riguardo l’acquifero del Guaranì, al confine tra Argentina, Uruguay, Paraguay e Brasile, che diversi soggetti privati vorrebbero sfruttare a scopo di lucro.

I principali appuntamenti dell’anno sull’acqua sono: la conferenza a Saragozza, in corso in Spagna (8-10 gennaio); l’inaugurazione ufficiale dell’Anno della Cooperazione Idrica, a Parigi l’11 febbraio, il World Water Day  il 22 marzo, e la World Water Week a Stoccolma dall’1 al 6 settembre.

L’ONU fa notare che senza un accesso sicuro all’acqua non si può neanche parlare di sviluppo sostenibile, di salvaguardia ambientale, di sanità o di riduzione della povertà, occorre quindi in questo 2013 cominciare a considerare seriamente il problema per cercare di trovare soluzioni virtuose e durature.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.


0 Commenti



Lascia per primo un commento


Lascia un commento

(required)