ULTIME BUONE PRATICHE
 

Primi dati positivi dal neonato l’Italian Council for Eco Innovation

 

0
Posted 14 giugno 2014 by

In Italia, un’impresa su quattro è ‘orientata’ alla sostenibilità. Dall’industria all’edilizia, ai trasporti, un quarto delle imprese italiane ha cioè saputo fare dell’innovazione e dell’ambiente la chiave per migliorare la competitività in questo periodo di crisi. Ciò è stato rilevato dell’Italian Council for Eco Innovation, l’Osservatorio Innovazione e Tecnologia per la green economy nato per incentivare l’enorme potenziale ‘verde’ made in Italy.

Figlio di un partenariato tra il Ministero dell’Ambiente e la Fondazione per lo sviluppo sostenibile con il supporto dell’Ice, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane, l’osservatorio è stato presentato a Roma ed avrà lo scopo di incentivare il potenziale innovativo green delle imprese italiane sui mercati interni e internazionali.
 Attraverso l’individuazione e la definizione dei settori tecnologici più avanzati su cui investire nel breve-medio periodo, l’identificazione di partner internazionali per dare visibilità al Sistema Italia e la ricerca di opportunità di finanziamento, l’osservatorio darà il necessario sostegno allo sviluppo delle eccellenze italiane.

Credere e puntare sullo sviluppo sostenibile è certamente una priorità che permetterà alla società di riuscire a salvaguardare le risorse naturali e l’ambiente, ma occorre ancora una volta sottolineare che, oggi, la green economy rappresenta l’unica strada virtuosa per riuscire a battere la crisi economica e per cominciare davvero a costruire un futuro a misura d’uomo.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.


0 Commenti



Lascia per primo un commento


Lascia un commento

(required)