ULTIME BUONE PRATICHE
 

Nuovo porto cubano, sarà crocevia dello sviluppo sudamericano

 

0
Posted 22 novembre 2013 by

Il porto cubano di Mariel, a circa 50 chilometri dall’Avana, da porto di partenza di migliaia di esuli cubani negli anni ‘80, diventerà ora una zona speciale di sviluppo per intercettare business ed avviare una rivoluzione nel mondo degli affari dell’isola.

Il progetto, che va avanti ormai da tempo e sarà terminato per il 2022, prevede non solo la realizzazione di una struttura adeguata ad offrire servizi per il commercio internazionale, ma soprattutto una struttura che si occuperà di gestire gli investimenti stranieri attraverso agevolazioni fiscali e servizi per le imprese, cubane e straniere. Il porto occupa un ruolo strategico, soprattutto per la collocazione geografica in linea con il Canale di Panama ed il suo traffico di container che sarà ulteriormente valorizzato dalle strategie del governo cubano che mira ad aumentare le esportazioni, a rafforzare l’industria e dare spazio a tecnologie in linea con il rispetto dell’ambiente.

I settori economici ”prioritari” della nuova zona speciale, infatti, sono la biotecnologia, l’industria farmaceutica, l’energia rinnovabile, il turismo e gli immobili, l’informatica e i container. Tutto ciò dimostra la lungimirante visione dello sviluppo del Sud-america che ha, grazie ai sui governi, intrapreso da tempo la strada della sostenibilità.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.


0 Commenti



Lascia per primo un commento


Lascia un commento

(required)