ULTIME BUONE PRATICHE
 

Biocarburanti, Italia quarta in Europa per produzione ma ancora non basta

 

0
Posted 19 luglio 2013 by

Secondo i dati di Assocostieri-Unione di produttori di biocarburante, l’Italia è il quarto produttore europeo di biocarburanti, ma nonostante ciò, è sempre in aumento la quantità importata. Nel 2010 e nel 2011 le quantità di biocarburante già raffinato importato dall’estero hanno raggiunto il 54% e 70%, rispettivamente, del volume totale immesso a consumo.

Ad essere importato dall’estero, oltre al biocarburante raffinato, anche la materia prima agricola destinata alla produzione di biodiesel che nel 2010, per il 72% del totale impiegato in Italia, è arrivata da Paesi extra UE. I numeri contenuti nella “prima relazione dell’Italia in merito ai progressi ai sensi della direttiva 2009/28/CE” sono impressionanti, 86mila tonnellate di biomasse vegetali provenienti da seminativi nazionali, oltre 126mila tonnellate dall’Europa e 560mila tonnellate di provenienza extraeuropea. Per la produzione ad essere preferita è sempre il prodotto primario dell’agricoltura (zucchero di canna, mais, cereali, barbabietole e altre colture oleaginose).

Anche il consumo in Italia è in rapida crescita dal 3,8% del totale nel 2009 al 4,5% nel 2012, con obiettivi fissati ambiziosi che dovrebbero portare al 10% l’utilizzo entro il 2020, quindi sostanzialmente un buon progresso nel tempo. Ciò che resta da chiedersi è se davvero la pratica di utilizzare produzioni agricole primarie per produrre carburante, sia ambientalmente e socialmente sostenibile, senza contare gli effetti economici negativi che tali produzioni avranno, ed in parte stanno già avendo, sul prezzo delle materie prime alimentari.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.


0 Commenti



Lascia per primo un commento


Lascia un commento

(required)