ULTIME BUONE PRATICHE
 

2020, nuovi posti di lavoro dai rifiuti

 

0
Posted 2 settembre 2014 by

Raggiungere gli obiettivi stabiliti dall’Unione Europea, che fissano al 50% il riciclo dei rifiuti urbani e domestici entro il 2020 (70% al 2030), porterà alla creazione di circa 90mila posti di lavoro entro il 2020.

Secondo quanto emerge dallo studio “Ricadute occupazionali ed economiche nello sviluppo della filiera del riciclo dei rifiuti urbani”, realizzato da Conai, nello scenario più prudente, gli addetti aggiuntivi della filiera del riciclo sarebbero circa 76.400, mentre gli addetti per le costruzioni di impianti, circa 12.600, per un totale sull’intero territorio nazionale di circa 89.000 nuovi posti di lavoro.

Occupazione e incremento del volume di affari della filiera che dovrebbe raggiungere i 6,2 miliardi, dovranno essere accompagnati da investimenti in infrastrutture, almeno 1,7 miliardi, solo così si renderà concreto un miglioramento del ciclo dei rifiuti garantendo nel contempo un adeguato impatto economico dell’attività.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.


0 Commenti



Lascia per primo un commento


Lascia un commento

(required)