ULTIME BUONE PRATICHE
 

Tang Zhengping: un ex contadino progetta l’auto che si muove col vento

 
AVestero_Tang-macchina-eolica
AVestero_Tang-macchina-eolica
AVestero_Tang-macchina-eolica

 
BUONA PRATICA
 

Settore:
 
Nazione:
 
Luogo:
 
Categoria:
 
Beneficio ambientale
 
 
 
 
 


 
Beneficio sociale
 
 
 
 
 


 
Livello di innovazione
 
 
 
 
 


 
Punteggio
 
 
 
 
 
3.5/ 5


 


Un ex contadino cinese inventa un prototipo di auto a zero emissioni che si ispira alla tecnologia eolica e per muoversi sfrutta l’energia del vento.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF
2
Posted 22 settembre 2012 by

L’eolico sbarca anche nella mobilità. Seppur si tratti ancora di un prototipo, il principio di produzione di energia elettrica sfruttato dalle pale eoliche, presenti ormai in maniera diffusa on-shore e off-shore, ha trovato applicazione su un mezzo di trasporto.

Una grossa ventola, simile ai comuni ventilatori che utilizziamo nelle nostra case, è posta nella calandra anteriore del veicolo: raggiunti i 40 Km/h si aziona e l’energia prodotta dalla sua rotazione viene accumulata in una delle due batterie collocate posteriormente.

Il monoposto è dotato, inoltre, di pseudo ali laterali ricoperte da celle fotovoltaiche che alimentano le batterie quando il veicolo è fermo.

Com’è facile immaginare la forniture di energia elettro-eolica conferisce al veicolo una maggiore autonomia della batteria rispetto al classico veicolo elettrico. Durante la circolazione l’eolico ricarica parte dell’energia spesa dal moto del veicolo.

Ad ideare e realizzare il primo veicolo ibrido elettro-eolico è stato un anziano contadino cinese, da sempre appassionato di elettronica. Tang Zhengping, questo il suo nome, ha dichiarato che il veicolo è costato circa mille dollari e che la velocità media di 70 Km/h può essere certamente migliorata con semplici accorgimenti.

Partita dalle campagne fuori Pechino la notizia ha fatto il giro del mondo attraverso la rete: i potenziali investitori sono certamente al corrente della stravagante tecnologia ed una concreta applicazione sui veicoli del futuro potrebbero contribuire ad una mobilità sostenibile sempre più necessaria.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.


  1.  
    Tedy de gaart

    Il primo che l’ha realizzata fra un sacco di gente probabilmente come me che si chiede e si chiedeva il perchè non la facessero…… o meglio si sa perfettamente il perchè la tecnologia
    che esiste da tempo non avanza!
    http://www.youtube.com/watch?v=yU1pZjoS_ig




  2.  
    Isabella

    Sono proprio d’accordo con te Tedy, ma bisgona anche riflettere sul fatto che, eliminare del tutto e all’improvviso la dipendenza da fonti di energia non rinnovabili, potrebbe risultare una scelta non tanto sostenibile. Immagina quante persone si troverebbero senza lavoro. Pero’ sarebbe bello iniziare a destinare ad i nuovi villagi sostenibili, che stanno sorgendo in varie parti del mondo, questi tipi di mezzi alternativi.





Rispondi a Tedy de gaart Annulla risposta

(required)