ULTIME BUONE PRATICHE
 

Terralcantara: la tenuta agricola siciliana con un innovativo impianto di depurazione immerso nel verde

 
AVaziende_Terralcantara
AVaziende_Terralcantara
AVaziende_Terralcantara

 
BUONA PRATICA
 

Settore:
 
Luogo:
 
Categoria:
 
Beneficio ambientale
 
 
 
 
 


 
Beneficio sociale
 
 
 
 
 


 
Livello di innovazione
 
 
 
 
 


 
Punteggio
 
 
 
 
 
3.5/ 5


 


Nel plesso turistico delle Gole di Alcantara, l’innovativo impianto di fitodepurazione naturale delle acque nel cuore dell’omonimo Parco Botanico e Geologico, che esalta l’aspetto green dell’azienda

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF
0
Posted 9 maggio 2013 by

La tenuta agricola di Terralcantara, ubicata nella Gola dell’Alcantara in Sicilia, si estende su oltre 100 ettari di agrumeti, oliveti e boschi nella Valle del Fiume Alcantara. Al suo interno gli antichi bagni e le masserie sono divenuti il Country Resort “Il Borgo”, “la Casa delle Monache” ed il “Poggio”, con il famoso Parco Botanico e Geologico delle Gole Alcantara nelle immediate vicinanze. L’azienda fa di un innovativo impianto di depurazione naturale delle acque uno dei suoi punti di forza.

L’impianto si basa sull’applicazione della fitodepurazione, ovvero su una depurazione di tipo naturale, delle acque provenienti dal complesso agricolo e turistico delle Gole Alcantara. Come ricorda l’azienda, è stato realizzato senza alcun contributo pubblico ed ha lo scopo di rafforzare il concetto di eco-sostenibilità portato avanti dall’impianto turistico.

L’impianto di depurazione è costituito da un letto di fitodepurazione, due bacini di lagunaggio e da un’ultima vasca sempre dedicata alla fitodepurazione. Le acque sono depurate utilizzando una tecnica di trattamento che riproduce, in ambiente controllato, i medesimi processi che avvengono in natura, per poi essere reimpiegate per l’irrigazione degli agrumeti e l’alimentazione dei servizi.

I trattamenti di depurazione sono classificati in tre categorie principali:

- Fitodepurazione: trattamento che riproduce i processi di depurazione naturale caratteristici delle zone umide, ottenuti dall’azione combinata di suolo, vegetazione e microrganismi;

Lagunaggio: le acque vengono fatte convergere in bacini in cui si verificano processi di tipo biologico, biochimico e fisico;

Serbatoi di accumulo: stoccaggio delle acque in grandi bacini al cui interno si verificano processi depurativi simili a quelli dei sistemi di lagunaggio e che permettono il riutilizzo delle acque reflue nel settore agricolo e nell’irrigazione delle aree a verde.

Tale opera ingegneristica, con un basso impatto ambientale, oltre ad inserirsi ottimamente nel paesaggio, non produce cattivi odori. Inoltre, tale sistema di depurazione favorisce la conservazione della biodiversità all’interno del parco, in quanto i sistemi naturali incentivano la presenza di animali allo stato libero, pesci, invertebrati e vegetali.

Sull’impianto si è espresso anche l’architetto argentino Eduardo Yarke, di “Arquitectura sustentable” (Università di Luján, Buenos Aires), in visita al Parco Botanico e alle Gole Alcantara: secondo Yarke infatti, il modello Terralcantara è da estendere al territorio, in quanto capace di dare impulso alle attività economiche preservando la natura, con una filosofia aziendale attentissima al rispetto e alla tutela dell’ambiente.

L’impianto di fitodepurazione si raggiunge tramite un suggestivo sentiero che attraversa agrumeti e uliveti, che permette ai visitatori di riscoprire anche la grande ricchezza paesaggistica dei Giardini Terralcantara.

 

Suggerisci le tue idee attraverso i commenti.
Esprimi il tuo gradimento votando e condividendo.
Congratulati direttamente con il protagonista:
Vai al sito web
Pagina Facebook
Indirizzo email

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.


0 Commenti



Lascia per primo un commento


Lascia un commento

(required)