ULTIME BUONE PRATICHE
 

Ceramiche Marca Corona: nel modenese un’azienda green su più settori

 
Ceramiche
Ceramiche
Ceramiche

 
BUONA PRATICA
 

Settore:
 
Luogo:
 
Categoria:
 
Beneficio ambientale
 
 
 
 
 


 
Beneficio sociale
 
 
 
 
 


 
Livello di innovazione
 
 
 
 
 


 
Punteggio
 
 
 
 
 
4/ 5


 


L’azienda Ceramiche Marca Corona s.p.a. a Sassuolo è impegnata su più fronti in termini ambientali grazie al risparmio idrico, energetico e al riciclo dei materiali utilizzati nel processo produttivo.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF
0
Posted 23 maggio 2013 by

L’azienda Ceramiche Marca Corona s.p.a. ubicata a Sassuolo in provincia di Modena, dal 1741 è produttrice di pavimenti, rivestimenti e mosaici ceramici e coniuga straordinarie prestazioni tecniche con lo stile che caratterizza il migliore made in Italy. Di recente si è distinta per il costante miglioramento delle proprie attività in un’ottica di eco-sostenibilità.

L’impegno dell’azienda si concretizza attraverso la depurazione ed il recupero delle acque ma anche attraverso il riciclo e l’efficienza energetica.

  • In termini di gestione delle risorse idriche, la società modenese ha ottenuto risparmi per il 42,50% grazie a:

- recupero totale delle acque di produzione interne all’azienda tramite un innovativo ed adeguato sistema di depurazione;

- recupero di reflui depurati provenienti da altre aziende ceramiche per un totale di circa il 16% del fabbisogno idrico annuale.

  • L’azienda è impegnata anche nel recupero di materiali:

- il 100% degli scarti industriali crudi sono recuperati e riutilizzati nella preparazione dell’impasto;

- il 100% degli scarti industriali cotti, non possono essere reimpiegati perché potrebbero compromettere lo standard qualitativo della produzione, e quindi vengono destinati ad aziende esterne oppure utilizzati principalmente come sottofondo stradale;

  • L’introduzione di un nuovo stabilimento produttivo ha consentito di mantenere le immissioni gassose in atmosfera ben al di sotto dei limiti normativi, mentre un cospicuo risparmio energetico, grazie all’utilizzo di strumentazioni innovative che consentono di recuperare calore la cui energia viene utilizzata nel processo produttivo e nel riscaldamento degli ambienti:

-  recupero di calore verso l’aria comburente che permette una riduzione globale del consumo del 7% e recupero di calore dagli essiccatori che premette un ulteriore riduzione globale del 6%;

- il 15% del calore emesso dai forni ceramici nel periodo invernale viene riutilizzato per riscaldare direttamente o indirettamente gli ambienti lavorativi, con un recupero annuo di circa il 5%;

- il 18% del calore utilizzato durante la cottura delle piastrelle viene riutilizzato completamente con un risparmio di circa 2.800 tonnellate di CO2.

Inoltre l’azienda ha ottenuto le certificazioni LEED ed Ecolabel, che rendono sempre più tangibile la prospettiva di uno sviluppo aziendale realmente sostenibile.

Il ruolo di Ecolabel e del Leed nelle industrie

L’Ecoetichetta, Ecolabel nella dicitura inglese, è un marchio europeo usato per certificare (secondo il regolamento CE n. 66/2010) il ridotto impatto ambientale dei prodotti o dei servizi offerti dalle aziende che ne hanno ottenuto l’utilizzo. L’Ecoetichetta è uno strumento volontario comunitario che certifica i prodotti ambientalmente compatibili, consentendo al consumatore di riconoscere attraverso un marchio il rispetto del’ambiente da parte del prodotto (o servizio) in tutto il suo ciclo di vita, che può così diversificarsi dai concorrenti presenti sul mercato, mantenendo elevati standard prestazionali ambientali. L’Ecolabel non si applica a prodotti farmaceutici e alimentari (settore per il quale è in corso di studio un’estensione del marchio).

Il LEED® (Leadership in Energy and Environmental Design) Green Building Rating System™ è un programma di certificazione volontario, volto a potenziare e promuovere le alte performance proprie degli edifici sostenibili . Attraverso la valutazione dell’edificio, il progettista ha la possibilità di conoscere immediatamente il peso delle proprie scelte progettuali, in termini di impatto ambientale, suddivise in cinque categorie che riguardano e coinvolgono la salute umana e ambientale. Le categorie , suddivise a loro volta in sotto-requisiti valutati su basi scientifiche, sono :

  1. sostenibilità del sito
  2. efficienza dell’uso dell’acqua
  3. energia e atmosfera
  4. materiali e risorse
  5. qualità dell’aria interna
Suggerisci le tue idee attraverso i commenti.
Esprimi il tuo gradimento votando e condividendo.
Congratulati direttamente con il protagonista:
Vai al sito web
Pagina Facebook
Indirizzo email

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Pinterest
  • LinkedIn
  • RSS
  • Add to favorites
  • Email
  • Print
  • PDF


Redazione Virtuous

 
Redazione Virtuous
La redazione di VirtuousItaly è composta da professionisti della green economy, in possesso di titoli ed esperienze nel campo dell'energia, della mobilità sostenibile, della gestione dei rifiuti e delle acque.


0 Commenti



Lascia per primo un commento


Lascia un commento

(required)